Storie in montagna: grandi libri su grandi avventure

Febbraio 10, 2014

Storie in montagna: grandi libri su grandi avventure

"Vogliamo dedicare questo post all'alpinista recentemente scomparso a Peñalara Eduardo del Blanco Adán e alla sua famiglia e per la pronta guarigione di Carlos Lorenzo".
--------------
Una nueva “ciclogénesis explosiva” amenaza con encerrarte otra semana en casa… las horas se hacen interminables , las paredes se te caen encima y no ponen nada en la tele.
Qui ti lasciamo quattro dei migliori libri che sono stati scritti sulla montagna, quattro storie vere scritte dai suoi protagonisti:
"Annapurna, primi 8000: la grande avventura"Di Maurice Herzog (1950). Editore: Desnivel.
Sintesi di La casa del Libro: il 1950 giugno XNUMX, Maurice Herzog e Louis Lachenal raggiunsero la cima dell'Annapurna, diventando i primi esseri umani a coronare una montagna di oltre ottomila metri, sfuggendo miracolosamente alla morte. Nei mesi seguenti, mentre si stava riprendendo in ospedale dalle sue terribili amputazioni (che lo avrebbero lasciato senza dita e dita dei piedi), Herzog dettò ad Annapurna le prime ottomila, una delle opere principali della letteratura alpina di spedizione. Godiamoci la più ricca fonte di ispirazione che possiamo immaginare: le impronte di questi avventurieri che ci hanno lasciato una vera storia di coraggio e cameratismo. Di esplorazione e passione per l'avventura.

"I conquistatori dell'inutile"Di Lionel Terray (1963). Editore: Desnivel.


Sommario di La casa del Libro: recuperiamo per la nostra collezione uno dei libri di montagna più letti di tutti i tempi, The Conquerors of Uselessness. Il suo autore, Lionel Terray (1921-1965), è stato valutato da Messner come "una delle figure più importanti della storia dell'alpinismo". E senza dubbio è il primo antipasto assoluto di Fitz Roy, Chacraraju, Jannu, Makalu o Mont Huntington. Nella sua attività sulle Alpi, spiccano la prima ripetizione del Nord dell'Eiger e Cassin al Piz Badile in sette ore e mezza, entrambe con Louis Lachenal. Nel 1950 partecipò alla spedizione francese in Annapurna, in cui rinunciò al vertice per assicurare la discesa di Herzog e Lachenal. Morì all'età di 44 anni in un incidente di arrampicata. Il suo carattere rischioso e l'immensa passione con cui vive ogni sua ascesa lo rendono uno scrittore eccezionale. Ecco perché "Conquistadores", come chiamiamo il suo libro in modo familiare, è e sarà un classico della letteratura alpina, essenziale per coloro che, oltre a scalare le montagne, amano sognarli.
"k2 il nodo infinito"Di Kurt Diemberger (2004). Editore: Desnivel.

Sommario di La casa del Libro: "K2 il nodo infinito" è uno dei grandi classici della letteratura montana. Viviamo la storia di un forte fascino, che collega per sempre il destino di due persone a una montagna bella e inaccessibile. Nel 1957 il giovane Kurt individuò per la prima volta il K2 dalla base di Broad Peak. Successivamente, tutta la sua vita ruota attorno alla magia di Chogori. Dopo alcuni frustrati tentativi, ritorna nel 1986 insieme a Julie Tullis nella speranza di poter finalmente raggiungere la vetta. Ma il 1986 è un anno tragico in K2. Una tempesta inaspettata cattura sette persone a ottomila metri di altitudine per diversi giorni. Kurt e Julie, dopo aver realizzato il loro sogno di salire sulla cima che avevano desiderato per anni, lottano per le loro vite in un ineguale combattimento contro le forze della natura. Dopo una tragica discesa, solo due persone, Kurt e Willy Bauer, raggiungono il campo base, riuscendo sorprendentemente a sopravvivere all'ira della montagna.
Nadie mejor que Kurt Diemberger como para contarte en un dignísimo español/italiano su experiencia:
"Malattia d'altitudine: resoconto personale della grande tragedia di Everest "di Jon Krakauer (1996). Editore: Desnivel.

Sintesi di La casa del Libro: il mal di montagna è diventato un must per tutti gli amanti della montagna, dell'avventura o della letteratura di viaggio. Un best seller internazionale sia per la qualità della storia che per il successo con cui il suo autore, Jon Krakauer, ci racconta cosa è successo. Cosa si può dire di più di una tragedia che ha sconvolto il mondo della montagna anche trascendendolo ... forse solo per questo vale la pena assorbire l'intensità delle parole e lo stile grafico dell'autore che riesce a catturare il lettore e portarci in questo viaggio letterario verso il cuore dell'inevitabile. La malattia di altitudine si legge come un buon romanzo, ma non è finzione. Jon Krakauer è partito per l'Himalaya nel 1996 per scrivere un rapporto sul crescente sfruttamento commerciale dell'Everest. La sua intenzione era quella di analizzare i motivi per cui così tante persone sono disposte a sottoporsi a rischi precedentemente riservati agli alpinisti professionisti. Dopo aver incoronato la cima più alta della Terra, Krakauer iniziò la pericolosa discesa, ma non tutti riuscirono; c'erano morti, c'erano feriti e molte polemiche. Questo lavoro ha causato così tante controversie che Krakauer è stato costretto a scrivere un post scriptum di risposta, incluso in questa edizione. Il tempo si ferma mentre Krakauer delinea e racconta in modo commovente l'accaduto
Se sei fluente in inglese puoi anche guardare questa conferenza Ken Kamler "Inside the Everest Disaster 1996":


Lascia un commento

I commenti su aprobarán antes de mostrarse.

Pubblicazioni correlate

Ricetta Pancakes sani senza farina di frumento
Ricetta Pancakes sani senza farina di frumento
Prepara deliziose colazioni o snack con questa ricetta per frittelle di farina d'avena e mandorle! Molte persone stanno scoprendo gli svantaggi che i pasti a base di pasto possono avere da t
Per saperne di più
Home Office: vantaggi e svantaggi del telelavoro
Home Office: vantaggi e svantaggi del telelavoro
Come dice bene il nome, l'home office o il telelavoro da casa sono tutti i lavori svolti dai lavoratori dal loro indirizzo di residenza, sfruttando diverse risorse come
Per saperne di più
Cappellini da donna Impara a combinare i tuoi cappellini!
Cappellini da donna Impara a combinare i tuoi cappellini!
Molte donne pensano che i cappellini siano limitati a uomini e atleti ... Sbagliato! La realtà è che i cappellini sono un accessorio molto utile e alla moda che ogni donna dovrebbe integrare nel suo guardaroba.
Per saperne di più
Occhiali sportivi
Occhiali sportivi
Gli occhiali da sole sportivi non sono solo importanti, sono essenziali per garantire la protezione degli occhi e una buona acuità visiva. Pochi o nessun sport all'aperto dovrebbe essere praticato senza occhiali d
Per saperne di più
Edurne Pasaban celebra il decimo anniversario della sua conquista dei 14 ottomila
Edurne Pasaban celebra il decimo anniversario della sua conquista dei 14 ottomila
Sono passati 10 anni da quando abbiamo sentito in tutte le notizie come Edurne Pasaban ha ottenuto una vittoria storica senza pari. Nel maggio 2010 sarebbe terminato l'eccezionale alpinista spagnolo
Per saperne di più
10 cose che dovresti sapere sull'alpinismo o l'alpinismo
10 cose che dovresti sapere sull'alpinismo o l'alpinismo
L'alpinismo è una pratica sportiva che prevede l'ascesa e la discesa di alte montagne, che trasporta una serie di abilità, conoscenze e tecniche volte a raggiungere il punto più alto di
Per saperne di più
Angkor Wat e i templi perduti della Cambogia
Angkor Wat e i templi perduti della Cambogia
Angkor Wat e i templi perduti della Cambogia: scopri gli imponenti edifici indù dell'Impero Khmer. Potresti ricordare i templi che servivano da ambientazione per il film "Lara Croft:
Per saperne di più
Sciare in Colorado: una rassegna delle migliori stagioni
Sciare in Colorado: una rassegna delle migliori stagioni
Quando pensiamo al Colorado, lo sci è la prima cosa che mi viene in mente ... E perché no? Impossibile non associare l'uno all'altro! Le sue montagne piene di rilievi e ciotole naturali sembrano essere state
Per saperne di più